In evidenza Riduci
Sinodo dei giovani 2018

 Tutte le informazioni sul sinodo dei giovano 2018

 maggiori informazioni ...
Battesimi

Disponibili le date per i prossimi battesimi

 maggiori informazioni ...
Syndicate   Stampa   
Questi è mio Figlio, ascoltatelo! Riduci


Di fronte alle fatiche e alle tribolazioni della vita, e all'esperienza del male in noi e nel mondo in cui viviamo, spesso siamo sopraffatti dallo sconforto e dalla paura, come i discepoli di Gesù all'annuncio della sua morte imminente: a loro, come a noi, sembra impossibile e assurdo che si debba soffrire per raggiungere la salvezza gloriosa.

Gesù, nella Trasfigurazione, si mostra nella realtà divina e vittoriosa della sua risurrezione, confermando i discepoli nella fede e liberandoli dalla paura della morte e del fallimento.

Secondo Luca, Gesù salì sul monte a pregare (9,28). È una notte importante. Come uomo sente la difficoltà del momento. Per questo si abbandona alla preghiera che lo mette anche visibilmente (il suo volto cambiò aspetto) in intimo contatto col Padre.

Che cosa ha chiesto Gesù nella preghiera? Il racconto non lo esplicita, ma possiamo affermare che Gesù ha chiesto la forza di compiere, anche nel dolore, la sua missione. Per questo gli appaiono Mosè ed Elia a dargli conforto e parlano della passione come di un esodo (9,31).

La passione appare così a Gesù uomo piena di speranza: essa sarà un esodo, cioè una pasqua, un passaggio. Il passaggio dalla sofferenza alla gioia, da questo mondo al Padre. Gesù comprende come uomo che la sua sofferenza ha un senso nell'agire di Dio che salva.

Questo contatto con Dio ha dato forza a Gesù, per cui non chiede di allontanare il doloroso calice, ma di compiere la volontà del Padre. È la prospettiva affidata a noi, da realizzarsi con la forza della preghiera. Sostenuti dai fratelli nella Chiesa. Solo così tutte le paure svaniscono e anche noi potremo partecipare alla santa Pasqua nella gioia.

 

 

Una piccola storia per l’anima: Il volto di Gesù di Bruno Ferrero

    1.  

In Sicilia, il monaco Epifanio un giorno scoprì in sé un dono del Signore: sapeva dipingere bellissime icone. 
Voleva dipingerne una che fosse il suo capolavoro: voleva ritrarre il volto di
 Cristo. Ma dove trovare un modello adatto che esprimesse insieme sofferenza e gioia, morte e risurrezione, divinità e umanità? 
Epifanio non si dette più pace: si mise in viaggio; percorse l'Europa scrutando ogni volto. Nulla. Il volto adatto per rappresentare Cristo non c'era.
 
Una sera si addormentò ripetendo le parole del salmo: "Il tuo volto, Signore, io cerco. Non nascondermi il tuo volto".
Fece un sogno: un angelo lo riportava dalle persone incontrate e gli indicava un particolare che rendeva
 quel volto simile a quello di Cristo: la gioia di una giovane sposa, l'innocenza di un bambino, la forza di un contadino, la sofferenza di un malato, la paura di un condannato, la bontà di una madre, lo sgomento di un orfano, la severità di un giudice, l'allegria di un giullare, la misericordia di un confessore, il volto bendato di un lebbroso. Epifanio tornò al suo convento e si mise al lavoro.

Dopo un anno, l'icona di Cristo era pronta e la presentò all'Abate e ai confratelli, che rimasero attoniti e piombarono in ginocchio. Il volto di Cristo era meraviglioso, commovente, scrutava nell'intimo e interrogava. 
Invano chiesero a Epifanio chi gli era servito da modello.

 

Non cercare il Cristo nel volto di un solo uomo, ma cerca in ogni uomo un frammento del volto di Cristo.

 

Pregare la Parola

Padre di bontà, tu che ci hai indicato tuo Figlio Gesù Cristo come la sola speranza di salvezza,

facci la grazia di guardarlo continuamente per essere confortati dalla sua luce,

che attraversa con sicurezza l’oscurità delle prove e della passione di ogni giorno;

concedici di vivere fuori dalle tenebre dell’errore, e di rimanere sempre nello splendore della verità,

per raggiungere così con lui la gloria della sua risurrezione. Amen

 

 Stampa   
Prossime proposte delle suore francescane Riduci
 Stampa   
Annuncio parrocchiale Riduci

Avvisi e Intenzioni Sante Messe Avvisi e Intenzioni Sante Messe

Giorno

Preganziol

Sambughè

Sabato 16 Marzo viola

Dt 26,16-19; Sal 118; Mt 5,43-48

18.30: Biancato Liana e genitori;

Di Matteo Santa (30 gg); Torresan Romeo, Bruno, Mario e genitori;

Pistollato Narciso;

18.30: Sbroggiò Paolo;

Tosato Alberto, Mazzon Maria Pasqua, Foffano Marisa, Risato Santa, Gobbo Regina, Zanato Valentino;

Tosato Luigi e Cercato Giuseppina;

Domenica 17 Marzo viola

IIª di Quaresima

Liturgia delle ore seconda settimana

Gen 15,5-12.17-18; Sal 26; Fil 3,17-4,1; Lc 9,28b-36

8.00: Dal Ben Bruno;

vivi e def.ti fam. Fighera;

Zanetti Luigi, Giuseppina, Vittorio;

 

9.30: per la comunità

 

11.00: Lucchese Bruno Saran AnnaMaria;

Sabatti Giovanna;

 

18.30: Gatto Antonia (ann);

Zanetti Olinda, Milena, Rita,

Giuseppina, Elsa, Eleonora;

Torresan Mario e Zanetti Albina (viva)

8.00: Guidolin Rino0 e Michielan Lidia;

 

10.00: santa messa

Lunedì 18 Marzo viola

Dn 9,4b-10; Sal 78; Lc 6,36-38

18.30: Alessandrini Carlina;

 

Martedì 19 Marzo bianco

S. GIUSEPPE

2Sam 7,4-5a.12-14a.16; Sal 88; Rm 4,13.16-18.22; Lc 2,41-51a

 

17.45-18.30: adorazione eucaristica

18.30: Cebin Guerrino (30 gg); Marazzato Giuseppe e Maria; Callegaro Valeriano;

Vian Maria, Flora e Busatto Giuseppe;

Mercoledì 20 Marzo viola

Ger 18,18-20; Sal 30; Mt 20,17-28

18.30: per le famiglie; Callegaro Bruno,

Biz Bernardo, Giovanni; Badin Guido;

Cappellazzo Corrado e Simionato Maria;

 

Giovedì 21 Marzo viola

Ger 17,5-10; Sal 1; Lc 16,19-31

8.30: per ammalati; Vanda e Rossanna;

9.00 – 11.00 adorazione Eucaristica;

18.30: santa messa

Venerdì 22 Marzo viola

 

18.00: via Crucis

18.30: santa messa

15.00: via Crucis

 

Sabato 23 Marzo viola

Mi 7,14-15.18-20; Sal 102; Lc 15,1-3.11-32

18.30: Camerotto Sisto e fratelli;

Zanardo Antonio e Laura;

Pain Gianni, Pegoraro Iole, Zanatta Orfeo;

Casarin Ernesto; Tegon Giuseppe e

Vecchiato Maria, Zanon Pietro e Zorzi

Lucia, Zanon Redento, Milani Placido;

18.30: Gallotta Oberdan, Ottaviano, Ada; Suin Ornella; Giacomel Giovanni; Zanardo Maria;

Domenica 24 Marzo viola

III di Quaresima

L iturgia delle ore terza settimana

Es 3,1-8a.13-15; Sal 102; 1Cor 10,1-6.10-12; Lc 13,1-9
Il Signore ha pietà del suo popolo

8.00: vivi e defunti Frison Giuseppe;

Intenzioni offerente;

 

9.30: Lorenzon Orfeo;

Cestaro Erminia e Torresan Vittorio;

Vendramelli Francesca (30gg);

 

11.00: Vio Pasqualino;

 

18.30: santa messa

8.00: Bonato Carlotta, Giovanni e figli def.

 

10.00: Busato Lina, Menoncello Antonio;

AVVISI: La Carità per la Quaresima: “Un pane per amor di Dio” per le Missioni e la Colletta Alimentare (generi alimentari non deperibili) per la Caritas delle nostre parrocchie.

  • Preganziol: cerchiamo persone che collaborano per il servizio liturgico e di sacrestia.

  • martedì 19 sera incontro per animatori (dalla 1^ superiore) del GrEst 2019.

  • Sambughè - Mercoledì 20 ore 20.30: Il Roveto Ardente – Adorazione Eucaristica guidata dal Gruppo del R.N.S.

  • Sambughè - Venerdì 22 ore 20.30 Film per tutti: “7 Km da Gerusalemme”. Molto bello.

  • Domenica 17 ore 15.30 a San Nicolò: “L’arte di generare, accogliere e lasciar partire” catechesi con don Paolo Barbisan a partire da un’opera d’arte per giovani e adulti AC e non.

 Stampa   
Registrazione Login
Copyright (c) 2010-2012, Parrocchia di Preganziol   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso