In evidenza Riduci
Annuncio parrocchiale
(Pubblicato mercoledì 25 aprile 2018)

E' in linea l'ultimo annuncio parrocchiale

 maggiori informazioni ...
Sinodo dei giovani 2018
(Pubblicato domenica 7 gennaio 2018)

 Tutte le informazioni sul sinodo dei giovano 2018

 maggiori informazioni ...
Lectio sul vangelo della domenica
(Pubblicato lunedì 12 giugno 2017)

 Il giovedi sera in oratorio alle ore 20.50. Ma attenzione alle controindicazioni!

 

per i prossimi 2 incontri posticipato al venerdi

 maggiori informazioni ...
Battesimi
(Pubblicato venerdì 24 giugno 2016)

Disponibili le date per i prossimi battesimi

 maggiori informazioni ...
Syndicate   Stampa   
Gesù il pastore buono che dà la vita, che contagia d'amore Riduci

Pastore buono: è il titolo più disarmato e disarmante che Gesù abbia dato a se stesso. Eppure questa immagine non ha in sé nulla di debole o remissivo: è il pastore forte che si erge contro i lupi, che ha il coraggio di non fuggire; il pastore bello nel suo impeto generoso; il pastore vero che si frappone fra ciò che dà la vita e ciò che procura morte al suo gregge.
Il pastore buono che nella visione del profeta «porta gli agnellini sul seno e conduce pian piano le pecore madri» (Isaia 40,11), evoca anche una dimensione tenera e materna che, unita alla fortezza, compone quella che papa Francesco chiama con un magnifico ossimoro, una «combattiva tenerezza» (Evangelii gaudium 88).
Che cosa ha rivelato Gesù ai suoi? Non una dottrina, ma il racconto della tenerezza ostinata e mai arresa di Dio. Nel fazzoletto di terra che abitiamo, anche noi siamo chiamati a diventare il racconto della tenerezza di Dio. Della sua combattiva tenerezza.
Qual è il comportamento, il gesto che caratterizza questo pastore secondo il cuore di Dio? Il Vangelo di oggi lo sottolinea per cinque volte, racchiudendolo in queste parole: il pastore dà la vita. Qui affiora il filo d'oro che lega insieme tutta intera l'opera ininterrotta di Dio nei confronti di ogni creatura: il suo lavoro è da sempre e per sempre trasmettere vita, «far vivere e santificare l'universo» (Prece eucaristica III).
Dare la vita non è, innanzitutto o solamente, morire sulla croce, perché se il Pastore muore le pecore sono abbandonate e il lupo rapisce, uccide, vince.
Dare la vita è l'opera generativa di Dio, un Dio inteso al modo delle madri, uno che nel suo intimo non è autoreferenzialità, ma generazione..
Un Dio compreso nel senso della vite che dà linfa ai tralci; del seno di donna che offre vita al piccolo; dell'acqua che dà vita alla steppa arida. Io offro la mia vita significa: vi offro una energia di nascita dall'alto; offro germi di divinità, per farvi simili a me (noi saremo simili a lui, 1 Gv 3,2 nella II Lettura).
Solo con un supplemento di vita, la sua, potremo battere coloro che amano la morte, i tanti lupi di oggi.
Perché anche noi, discepoli che vogliono, come lui, sperare ed edificare, dare vita e liberare, siamo chiamati ad assumere il ruolo di "pastore buono", cioè forte e bello, combattivo e tenero, del gregge che ci è consegnato: la famiglia, gli amici, quanti contano su di noi e di noi si fidano.
"Dare vita" significa contagiare di amore, libertà e coraggio chi avvicini, di vitalità ed energia chi incontri. Significa trasmettere le cose che ti fanno vivere, che fanno lieta, generosa e forte la tua vita, bella la tua fede, contagiosi i motivi della tua gioia.

 

Il Signore continua oggi a chiamare a seguirlo. Non dobbiamo aspettare di essere perfetti per rispondere il nostro generoso “eccomi”, né spaventarci dei nostri limiti e dei nostri peccati, ma accogliere con cuore aperto la voce del Signore. Ascoltarla, discernere la nostra missione personale nella Chiesa e nel mondo, e infine viverla nell’oggi che Dio ci dona.

Maria Santissima, la giovane fanciulla di periferia, che ha ascoltato, accolto e vissuto la Parola di Dio fatta carne, ci custodisca e ci accompagni sempre nel nostro cammino.

Papa Francesco dal messaggio per la giornata delle vocazioni

 

L’angolo della Preghiera

Preghiera degli operai di Dio

Signore Gesù, tu ci chiami ogni giorno a lavorare nella tua vigna,
cioè a vivere nella famiglia, nella scuola, nella parrocchia, nella città,
in questo nostro mondo,
per renderlo più bello, più umano, più accogliente per tutti.

Tu non hai preferito solo alcuni di noi,
ma ci chiami tutti, indistintamente,
anche chi è distratto e dimentica il dono del battesimo,
chi crede più nel denaro e nel potere che nella generosità e nell'umiltà;
tu chiami i bambini, come chiami gli anziani, chiami chi già crede in te,
come chiami anche chi non ti conosce.

Tu sei un Padrone buono e ti fidi del nostro lavoro,
per questo anche oggi ci hai chiamati a rendere più bella la tua vigna
purificandola da ciò che la rovina
e noi ti promettiamo il nostro impegno.
Amen.

 

 Stampa   
Annuncio parrocchiale Riduci

Avvisi e Intenzioni Sante Messe

Giorno

Preganziol

Sambughè

Sabato 21 Aprile bianco

S. Anselmo – memoria facoltativa

At 9,31-42; Sal 115; Gv 6,60-69

Che cosa renderò al Signore, per tutti i benefici che mi ha fatto?

18.30: Callegaro Bruno e genitori;

Danesin Rino; Prete Giancarlo;

Biadene Edoardo e Anna;

Sacilotto Felice; defti Tortato e Dall’Anna;

Suffogrosso Narciso e famiglia;

Barbon Romedio; Vechiato Paolo;

18.30: Barbisan Angelo;

Visentin Giuseppe;

padre Umberto Zanette;

Domenica 22 Aprile bianco

IV Domenica Di Pasqua

Liturgia delle ore quarta settimana

At 4,8-12; Sal 117; 1Gv 3,1-2; Gv 10,11-18

La pietra scartata dai costruttori è divenuta la pietra d'angolo

8.00: Berto Sergio; Fantin Irene;

Scapinello Giorgio; Berto Giuseppe,

Elvira, Marconato Giovanni e Adele;

 

9.30: Frasson Luciano;

 

11.00: 40° fondazione AIDO;

Monte Gaetano e Guarassi Ida; Mestriner Pietro, Bruno, Graziella e genitori;

 

18.30: Zollino Ines; sec. intenz. offerente;

8.00: Danesin Regina;

Zanato Ginevra e famigliari;

 

 

10.00: PRIMA COMUNIONE

De Giorgio Dionisio;

Socal Mario e Iole;

Danesin Regina;

Zanato Ginevra e famigliari;

 

Lunedì 23 Aprile bianco S. Adalberto – S. Giorgio At 11,1-18; Sal 41 e 42; Gv 10,1-10

L'anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente

18.30: santa messa

 

 

 

 

Martedì 24 Aprile bianco

S. Fedele da Sigmaringen

At 11,19-26; Sal 86; Gv 10,22-30

8.30 : santa Messa

17.30: adorazione eucaristica

18.30: Dal Bò Sergia, Antonio,

Michela; defunti Vian e Durante;

Mercoledì 25 Aprile rosso

SAN MARCO EVANGELISTA

Festa – Liturgia delle ore propria

1Pt 5,5b-14; Sal 88; Mc 16,15-20

18.30: Bonato Carlotta e famigliari

11.00: santa messa in suffragio dei

morti a causa delle guerre;

Malvestio Antonio;

Giovedì 26 Aprile bianco

At 13,13-25; Sal 88; Gv 13,16-20

8.30: per gli ammalati; secondo int. offer.

9.00-11.30: Adorazione Eucaristica

18.30: santa messa

Venerdì 27 Aprile bianco

At 13,26-33; Sal 2; Gv 14,1-6

18.30: Piovesan Giovannino, Dario e

Pozzebon Lina;

 

Sabato 28 Aprile bianco S. Luigi Maria Grignion de Monfort

S. Pietro Chanel

At 13,44-52; Sal 97; Gv 14,7-14

18.30: def.ti fam. Agnolazza e Vardanega;

Magoga Roberto, Silvana,

Giuseppe, Ester, Ottorino;

Torresan Angelo, Ida e figli;

Barzan Pierina (8 gg);

18.30: Suin Ornella;

Tosato Luigi;

DOMENICA 29 APRILE bianco

V DOMENICA DI PASQUA

Liturgia delle ore prima settimana

S. Caterina da Siena, patrona d’Italia e d’Europa

At 9,26-31; Sal 21; 1Gv 3,18-24; Gv 15,1-8

8.00: Santa messa

 

9.00: Prima Comunione

Frasson Luciano, Vittorio, Stella;

 

11.00: Prima Comunione

 

18.30: Favaro Bruno (vivo),

Biancato Liana (def);

8.00: Santa Messa

 

10.00: Giovanni e Ida Dal Bò;

Aquino, Emilia, Tolomio;

AVVISI: Mercoledì 25 aprile ore 11.00 a Sambughè: s. Messa in ricordo dei defunti di tutte le guerre

  • Iscrizioni GrEst 2018 per bambini e ragazzi dalla 1^ elementare alla 2^ media: Giovedì 26 aprile ore 15-18.30 e Venerdì 27 aprile ore 15-18.30 in Oratorio a Preganziol.

  • Sabato 28 ore 16.00 a S. Zenone degli Ez. Ordinazione diaconale di Riccardo De Biasi.

  • Sabato 26 maggio: Pellegrinaggio Mariano al Santuario Madonna delle Grazie di Brescia. Informazioni e iscrizioni in canonica il lunedì, martedì e giovedì mattina.

  • Il mese di maggio: il rosario in famiglia e assieme. La messa per le vie: contattare d. Gabriele.

 Stampa   
Registrazione Login
Copyright (c) 2010-2012, Parrocchia di Preganziol   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso