In evidenza Riduci
Annuncio parrocchiale
(Pubblicato sabato 17 febbraio 2018)

E' in linea l'ultimo annuncio parrocchiale

 maggiori informazioni ...
Sinodo dei giovani 2018
(Pubblicato domenica 7 gennaio 2018)

 Tutte le informazioni sul sinodo dei giovano 2018

 maggiori informazioni ...
Lectio sul vangelo della domenica
(Pubblicato lunedì 12 giugno 2017)

 Il giovedi sera in oratorio alle ore 20.50. Ma attenzione alle controindicazioni!

 

per i prossimi 2 incontri posticipato al venerdi

 maggiori informazioni ...
Battesimi
(Pubblicato venerdì 24 giugno 2016)

Disponibili le date per i prossimi battesimi

 maggiori informazioni ...
Syndicate   Stampa   
«Davvero era figlio di Dio». La Croce capovolge la storia Riduci

In questa settimana santa, il ritmo dell'anno liturgico rallenta: sono i giorni del nostro destino e sembrano venirci incontro piano, ad uno ad uno, ognuno generoso di segni, di simboli, di luce. La cosa più bella che possiamo fare è sostare accanto alla santità delle lacrime, presso le infinite croci del mondo dove Cristo è ancora crocifisso nei suoi fratelli. E deporre sull'altare di questa liturgia qualcosa di nostro: condivisione, conforto, consolazione, una lacrima. E l'infinita passione per l'esistente.
«Salva te stesso, scendi dalla croce, allora crederemo». Qualsiasi uomo, qualsiasi re, potendolo, scenderebbe dalla croce. Gesù, no.
Solo un Dio non scende dal legno, solo il nostro Dio. Perché il Dio di Gesù è differente: è il Dio che entra nella tragedia umana, entra nella morte perché là è risucchiato ogni suo figlio.
Sale sulla croce per essere con me e come me, perché io possa essere con lui e come lui. Essere in croce è ciò che Dio, nel suo amore, deve all'uomo che è in croce. Perché l'amore conosce molti doveri, ma il primo di questi è di essere con l'amato, unito, stretto, incollato a lui, per poi trascinarlo fuori con sé nel mattino di Pasqua.
Qualsiasi altro gesto ci avrebbe confermato in una falsa idea di Dio. Solo la croce toglie ogni dubbio. La croce è l'abisso dove Dio diviene l'amante. Dove un amore eterno penetra nel tempo come una goccia di fuoco, e divampa.
L'ha capito per primo un estraneo, un soldato esperto di morte, un centurione pagano che formula il primo credo cristiano: costui era figlio di Dio. Che cosa ha visto in quella morte da restarne conquistato? Non ci sono miracoli, non si intravvedono risurrezioni. L'uomo di guerra ha visto il capovolgimento del mondo, di un mondo dove la vittoria è sempre stata del più forte, del più armato, del più spietato. Ha visto il supremo potere di Dio, del suo disarmato amore; che è quello di dare la vita anche a chi dà la morte; il potere di servire non di asservire; di vincere la violenza, ma prendendola su di sé.
Ha visto sulla collina che questo mondo porta un altro mondo nel grembo, un altro modo di essere uomini.
Come quell'uomo esperto di morte, anche noi, disorientati e affascinati, sentiamo che nella Croce c'è attrazione, e seduzione e bellezza e vita. La suprema bellezza della storia è quella accaduta fuori Gerusalemme, sulla collina, dove il Figlio di Dio si lascia inchiodare, povero e nudo, per morire d'amore. La nostra fede poggia sulla cosa più bella del mondo: un atto d'amore. Bello è chi ama, bellissimo chi ama fino all'estremo. La mia fede poggia su di un atto d'amore perfetto. E Pasqua mi assicura che un amore così non può andare deluso
. (p. Ermes Ronchi)

 

CROCE, SEGRETO DELL’AMORE

 

Gesù, tu entri nella Città Santa

cavalcando un asino,

l'animale della semplice gente della campagna,

e per di più un asino che non ti appartiene,

ma che, per questa occasione, chiedi in prestito.

Così agendo, hai dato compimento

agli annunci dei profeti,

e portato al suo adempimento la Parola di Dio.

Tu sarai un re dei poveri,

un povero tra i poveri e per i poveri.

Tu sarai un re di pace,

spezzerai gli archi ed annuncerai la pace.

In te questo si concretizza

mediante il segno della Croce.

Essa è l'arco spezzato,

il nuovo, vero arcobaleno di Dio,

che congiunge il cielo e la terra

e getta un ponte sugli abissi

tra i continenti.

La nuova arma, che ci dai nelle mani,

è la Croce – segno di riconciliazione,

segno dell'amore che è più forte della morte.

Ogni volta che ci facciamo il segno della Croce

dobbiamo ricordarci di non opporre

all'ingiustizia un'altra ingiustizia,

alla violenza un'altra violenza;

ricordarci che possiamo vincere il male

soltanto con il bene

e mai rendendo male per male.

Nel segno della Croce, tu ci doni la pace

e ci fai diventare portatori della tua pace.

Nella Croce possiamo toccare il tuo mistero.

Signore Gesù, tocca noi ed apri i nostri cuori,

affinché seguendo la tua Croce

noi diventiamo messaggeri

del suo amore e della sua pace. Amen.

 

Da un'omelia di Benedetto XVI

 Stampa   
Annuncio parrocchiale Riduci

Parrocchie di S. Urbano – Preganziol e S. Martino – Sambughè

SETTIMANA SANTA 2018

Giorno

Preganziol

Sambughè

Sabato 24 marzo viola

Ez 37,21-28; Cant. Ger 31; Gv 11,45-56

18.30: Suffogrosso Narciso, Antonio e Stella, Sbrogiò Vittorio e Maria; Carlon Mario e Maria; Zanardo Maria; Famiglia Cillotto e figli;

Vecchiato Maria e Tegon Giuseppe;

Compagno Liliana; Zollino Ines;

18.30: Giacomel Giuseppe;

Gallotta Oberdan, Ottaviano, Ada;

Tosato Luigi;

Domenica 25 marzo rosso

DOMENICA DELLE PALME

Liturgia delle ore seconda settimana

Is 50,4-7; Sal 21; Fil 2,6-11; Mt 26,14

8.00: Bertuol Luigi; Mestriner Graziella;

Ceron Agostina; Gatto Salvatore;

Vivi e def.ti Gori e Susigan;

 

9.30: benedizione rami di ulivo e Messa

 

11.00: Fornari Vincenzo; Vio Pasqualino; Visentin Rita e fam.ri def.ti; Fruco Dino;

 

18.30: Danesin Rinaldo;

Dal Busco Raffaele e Rina;

8.00: Attombri Cesare e Marcella;

 

 

10.00: benedizione ulivi

Menoncello Antonio e Busato Lina;

 

Lunedì 26 marzo viola

Lunedì Santo
Is 42,1-7; Sal 26; Gv 12,1-11

8.30: S. Messa

Bettio Serena, Orfeo e Michieletto Sandro

9–12 e 15–18.30: Adorazione Eucaristica

18.30 Vespri e benedizione Eucaristica

15.00 – 18.30: Adorazione Eucaristica

 

18.30: Vespri e S. Messa

Martedì 27 marzo viola

Martedì Santo
Is 49,1-6; Sal 70; Gv 13,21-33.36-38

8.30: Santa Messa

9–12 e 15–18.30: Adorazione Eucaristica

18.30 Vespri e benedizione Eucaristica

15.00 – 18.30: Adorazione Eucaristica

 

18.30: Vespri e S. Messa

Mercoledì 28 marzo viola

Mercoledì Santo
Is 50,4-9a; Sal 68; Mt 26,14-25

8.30: Santa Messa

9–12 e 15–18.30: Adorazione Eucaristica

18.30 Vespri e benedizione Eucaristica

15.00 – 18.30: Adorazione Eucaristica

18.30: Vespri e S. Messa

Menoncello Vettore e Rosa

Giovedì 29 marzo bianco

CENA DEL SIGNORE

Es 12,1-8.11-14; Sal 115; 1Cor 11,23-26; Gv 13,1-15

 

8.00: Lodi in chiesa

9.30 in duomo a Treviso: S. Messa del Crisma

17.00: S. Messa e lav. dei piedi bambini di 4^ el

20.30: S. Messa in Coena Domini e lavanda dei piedi ai giovani

9.30: duomo Treviso: S. Messa del Crisma

 

20.30: S. Messa in Coena Domini e lavanda dei piedi ai bambini di 4^ el.

Venerdì 30 marzo rosso

PASSIONE DEL SIGNORE

Is 52,13-53,12; Sal 30; Eb 4,14-16; 5,7-9; Gv 18,1-19,42
Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito

8.00: Lodi in chiesa

15.00: Azione liturgica della Passione e morte di Gesù, adorazione e bacio della croce

 

20.30: Via Crucis itinerante della Passione (dalla chiesa di Preganziol alla chiesa di Sambughè)

15.00: Azione liturgica Passione e morte di Gesù, adorazione e bacio della croce

 

20.30: Via Crucis itinerante della Passione (dalla Chiesa di Preganziol alla chiesa di Sambughè)

Sabato 31 marzo bianco

SABATO SANTO

8.00: Lodi in chiesa

 

20.30: solenne Veglia Pasquale

20.30: Solenne Veglia Pasquale della Risurrezione

Domenica 1 aprile

Pasqua: Risurrezione del Signore

 

8.00: Anime del Purgatorio;

 

9.30: santa messa

 

11.00: Zurzolo Giuseppe;

 

18.30: Oggian Vittorio, Santa, Federico, nipote,

Sartori Fiorella; Dal Buso Raffaela e Rina;

8.00: Santa Messa

 

10.00: def.ti fam. Marin e Vecchier;

Rigo Giacomo e Berton Emma;

 

lunedì 2 apr. dell’Angelo

9.30: santa messa

10.00: santa Messa

Avvisi: Quaresima di fraternità: “Un pane per amor di Dio”; la “Colletta Alimentare”

  • Sacramento della confessione:

Venerdì 30marzo dalle 16.00 alle 18.00 Sabato 31 marzo dalle 9.15 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00

  • Il Venerdì santo siamo tenuti al digiuno

  • La visita pasquale del parroco ai nostri anziani continuerà nelle settimane dopo Pasqua

  • Sambughè: la Busta Annuale per sostenere la Parrocchia e le sue strutture e i lavori nella chiesa.

  • Riccardo De Biasi diventerà diacono sabato 28 aprile alle ore 16.00 nella chiesa di S. Zenone degli Ezzelini.

 Stampa   
Registrazione Login
Copyright (c) 2010-2012, Parrocchia di Preganziol   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso