In evidenza Riduci
Che dicembre sarebbe senza laboratori di Natale?

Aspettiamo tutti i bambini e i ragazzi dai 6 ai 13 anni sabato 15 dicembre 2018 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 con laboratori. Iscrizioni.....

 maggiori informazioni ...
Sinodo dei giovani 2018

 Tutte le informazioni sul sinodo dei giovano 2018

 maggiori informazioni ...
Lectio sul vangelo della domenica

 Il giovedi sera in oratorio alle ore 20.50. Ma attenzione alle controindicazioni!

 

per i prossimi 2 incontri posticipato al venerdi

 maggiori informazioni ...
Battesimi

Disponibili le date per i prossimi battesimi

 maggiori informazioni ...
Syndicate   Stampa   
Gli spiccioli della vedova e il tesoro in Cielo Riduci

Il Vangelo mette a confronto due magisteri: quello degli scribi, teologi e giuristi importanti, e quello di una vedova povera e sola; ci porta alla scuola di una donna senza più difese e la fa maestra di vita.
Gli scribi sono identificati per tre comportamenti: per come appaiono (passeggiano in lunghe vesti) per la ricerca dei primi posti nella vita sociale, per l'avidità con cui acquisiscono beni: divorano le case delle vedove, insaziabili e spietati. Tre azioni descritte con i verbi che Gesù rifiuta: apparire, salire e comandare, avere. Sintomi di una malattia devastante, inguaribile, quella del narcisismo. Sono di fatto gli inconvertibili: Narciso è più lontano da Dio di Caino. Gesù contrappone un Vangelo di verbi alternativi: essere, discendere, servire e donare. Lo fa portandoci in un luogo che è quanto di più estraneo al suo messaggio si possa immaginare: in faccia al tesoro del tempio; e lì, seduto come un maestro, osserva come la gente getta denaro nel tesoro: "come" non "quanto". Le bilance di Dio non sono quantitative, ma qualitative.
I ricchi gettavano molte monete, Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine. Due spiccioli, un niente, ma pieno di cuore. Gesù se n'è accorto, unico; chiama a sé i discepoli, li convoca, erano con la testa altrove, e offre la sua lettura spiazzante e liberante: questa vedova ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.
Gesù non bada alla quantità di denaro. Anzi afferma che l'evidenza della quantità è solo illusione. Conta quanto peso di vita c'è dentro, quanto cuore, quanto di lacrime, di speranza, di fede è dentro due spiccioli.
L'uomo per star bene deve dare. È la legge della vita, siamo progettati così. Questa capacità di dare, e dare come un povero non come un ricco, ha in sé qualcosa di divino! Tutto ciò che è fatto con tutto il cuore ci avvicina all'assoluto di Dio. Il verbo salvifico che Gesù propone in contrapposizione al "divorare" degli scribi, è "gettare", ripetuto sette volte nel brano, un dare generoso e senza ritorno.
Lo sa bene la vedova, l'emblema della mancanza. La sua mano getta, dona con gesto largo, sicuro, generoso, convinto, anche se ciò che ha da donare è pochissimo. Ma non è la quantità che conta, conta sempre il cuore, conta l'investimento di vita. La fede della vedova è viva e la fa vivere. Non le dà privilegi né le riempie la borsa, ma le allarga il cuore e le dà la gioia di sentirsi figlia di Dio, così sicura dell'amore del Padre da donare tutto il poco che ha. Questa donna, che convive col vuoto e ne conosce l'angoscia, è fiduciosa come gli uccelli del cielo, come i gigli del campo. E il Vangelo torna a trasmettere il suo respiro di liberazione.

 

11 NOVEMBRE

 SAN MARTINO DI TOURS

Sabaria (ora Szombathely, Ungheria), 316-317 - Candes (Indre-et-Loire, Francia), 8 novembre 397

Nasce in Pannonia (oggi in Ungheria) a Sabaria da pagani. Viene istruito sulla dottrina cristiana ma non viene battezzato. Figlio di un ufficiale dell'esercito romano, si arruola a sua volta, giovanissimo, nella cavalleria imperiale, prestando poi servizio in Gallia. È in quest'epoca che si colloca l'episodio famosissimo di Martino a cavallo, che con la spada taglia in due il suo mantello militare, per difendere un mendicante dal freddo. Lasciato l'esercito nel 356, già battezzato forse ad Amiens, raggiunge a Poitiers il vescovo Ilario che lo ordina esorcista (un passo verso il sacerdozio). Dopo alcuni viaggi Martino torna in Gallia, dove viene ordinato prete da Ilario. Nel 361 fonda a Ligugé una comunità di asceti, che è considerata il primo monastero databile in Europa. Nel 371 viene eletto vescovo di Tours. Per qualche tempo, tuttavia, risiede nell'altro monastero da lui fondato a quattro chilometri dalla città, e chiamato Marmoutier. Si impegna a fondo per la cristianizzazione delle campagne. Muore a Candes nel 397. (Avvenire)

Signore, tu hai detto “Io sono la Via, la Verità e la Vita”.

Aiutaci a seguire la tua strada, lungo le vie della nostra vita, per incontrarti in quanti hanno fame, sete, bisogno di aiuto. Mandaci il tuo spirito di verità, per illuminare i nostri passi e sostenerci lungo il cammino e aiutaci perché in ogni stagione della nostra vita noi ci sappiamo impegnare per lasciare davvero il mondo un po’ meglio di come lo abbiamo trovato.

 Stampa   
Prossime proposte delle suore francescane Riduci
 Stampa   
Annuncio parrocchiale Riduci

Avvisi e Intenzioni Sante Messe

Giorno

Preganziol

Sambughè

Sabato 10 Novembre verde

S. Leone Magno - memoria
Fil 4,10-19; Sal 111; Lc 16,9-15

Beato l’uomo che teme il Signore

18.30: Tesser Natalino (30 gg), Giuseppe e

Stella e Rossetto Vittorio e Maria;

Ros Edoardo, Venir Luigi e famiglia;

Zandomeneghi Maria e Luciano;

Girotto Onella; Piccolo Resi;

suor Ernestina Magoga (30 gg); Magoga

Francesco; Della Corte Antonio (30 gg)

Bagordo Enrico e Andrea;

18.30: Niero Nadia;

Sbroggiò Giuseppe e famiglia;

Artuso Giovanni;

Domenica 11 Novembre verde

XXXII Tempo Ordinario

Liturgia delle ore quarta settimana

1Re 17,10-16; Sal 145; Eb 9,24-28; Mc 12,38.-44
Loda il Signore, anima mia

8.00: santa messa

 

9.30: def. fam. Durigon; Schiavinato Maria;

Frasson Albino e Giorgio;

Nonni Frasson e Baù;

Callegaro Vittorio, Amalia, Italo;

Toffolo Antonio e Corrado;

 

11.00: Filippini Pierino;

 

18.30: Barbazza Pietro; Signoretti Ada;

Tarantino Romeo, Picciolo Cosima, Fiorini

Guido e Zollino Ines; intenz. offerente;

8.00: def. fam. Guidolin Rino;

Zanatta Antonio e Anna

Puppato Palmira e Giuseppina

 

10.00: Visentin Antonio (10 an.) e

Pierina;

defunti Bortoletto e Pellin;

Lunedì 12 Novembre rosso

S. Giosafat - memoria
Tt 1,1-9; Sal 23; Lc 17,1-6

18.30: Favaro Romeo;

 

Martedì 13 Novembre verde

Tt 2,1-8.11-14; Sal 36; Lc 17,7-10

 

17.45: Adorazione Eucaristica

18.30: Licci Massimo e Breda Rainelda

Gallinaro Rino;

Mercoledì 14 novembre verde

Tt 3,1-7; Sal 22; Lc 17,11-19

18.30: per le famiglie; Compagno Liliana;

Beggio Riccardo (1° ann)

vivi e def. fam. Trevisiol

 

Giovedì 15 Novembre verde

S. Alberto Magno Fm 7-20; Sal 145; Lc 17,20-25

8.30: per ammalati; Callegaro Valeriano;

9.00 – 11.00: Adorazione Eucaristica

18.30: santa messa

Venerdì 16 Novembre verde
2Gv 1a.3-9; Sal 118; Lc 17,26-37

18.30: Dotto Emilia e Anna;

Tesser Carlo;

 

Sabato 17 Novembre verde

S. Elisabetta di Ungheria
3Gv 5-8; Sal 111; Lc 18,1-8

18.30: Danesin Guido e Palmira;

Cenedese Rina e Angelo;

Busato Oddone;

18.30: Barbisan Angelo;

defunti Zottarelli;

Domenica 18 Novembre verde

XXXIII Tempo Ordinario

Liturgia delle ore prima settimana

Dn 12,1-3; Sal 15; Eb 10,11-14.18; Mc 13,24-32
Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio

8.00: Potente Giorgio, Elena, figli e

parenti defunti;

 

9.30: santa messa

 

11.00: 50° matrim. Zanetti Renato e Dina;

 

16.00 santa Cresima;

 

18.30: Chinellato Carlo;

8.00: Tosato Aurelio (ann), Donadi

Luigia, Tosato Flora;

 

10.00: santa Cresima

Gritti Danilo; Ghedin Rita;

Padoan Angelo;

Calzavara Maria Teresa;

AVVISI: Festa di San Martino a Sambughè

  • Riprende l’iniziativa “Il Vangelo nelle case” aperto a tutti: informazioni sul volantino alle porte della chiesa;

  • Sabato e domenica 11 Preganziol e Sambughè: Vendita dolci a sostegno della Scuola Materna Parrocchiale

  • Venerdì 16 ore 20.30: veglia di Preghiera per genitori e padrini della Cresima e possibilità di confessioni

  • Domenica 18 2^ giornata mondiale dei poveri e Giornata diocesana della Carità

  • Domenica 18 S. Cresima con il vicario generale mons. Cevolotto: ore 10.00 Sambughè e 16.00 a Preganziol

  • Preganziol: Cerchiamo persone volontarie disponibili per il servizio periodico di pulizia dell’Oratorio.

  • L’itinerario di formazione al matrimonio: chi è interessato contatti gli animatori (vedi volantino) o d. Gabriele.

 Stampa   
Registrazione Login
Copyright (c) 2010-2012, Parrocchia di Preganziol   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso